DAL TRONCO AL PELLET

Tutto inizia dal tronco di abete rosso.
Dopo essere stati sottoposti a un’attenta selezione, attraverso un trituratore i tronchi vengono ridotti in piccole scaglie di circa 2/3 cm, denominate “cippato”.

cippato
Questa prima raffinazione non è però sufficiente.
Il cippato, attraverso un apposito mulino, viene ridotto in minuscoli frammenti, quasi impalpabili, che prendono il nome di segatura.

segatura_stondata
La segatura così ottenuta, prima di poter essere trasformata in pellet, deve essere essiccata in uno speciale forno, la cui temperatura varia a seconda dall’umidità del legno.
Una volta essiccata, la segatura è pronta per le macchine cubettatrici e quindi per essere pressata e trasformata in pellet.

cubettatriceL’ultimo step è rappresentato dall’imballaggio e dallo stoccaggio.
Il pellet viene insacchettato in buste da 15 kg, impilato nei pallet e stoccato nel nostro magazzino, pronto per essere spedito ai nostri clienti.

Questo, in estrema sintesi e al massimo della semplificazione, è ciò che accade incessantemente tutti i giorni, 24 ore su 24, nel nostro stabilimento.
Tutto questo grazie a 30 persone che ogni giorni danno il loro meglio motivati da un obiettivo comune: permettere alla nostra fabbrica di raggiungere nuovi traguardi e di affermarsi sempre più sul mercato.
Il successo del nostro pellet è, di riflesso, il successo della nostra azienda, ma anche il successo personale delle 30 persone che vi lavorano.